Cantina

 

Restaurata all’inizio degli Anni 2000 c’è la suggestiva cantina risalente al XVI secolo, sicuramente una delle più antiche di San Floriano, essendo miracolosamente sfuggita alle devastazioni delle guerre mondiali. Con le pareti in pietra a vista e i soffitti a volta, accogliamo ospiti e amici per le degustazioni, fra le botti in legno in cui riposano e crescono i vini rossi

Collegata armonicamente a questa si trova quella moderna, tecnologicamente avanzata, seguita da Ivan, Fabijan ed Elija, nonchè saltuariamente, da un enologo di fiducia. Attrezzata con vasche in acciaio inox termo-controllate, dispone anche di botti di rovere per l’affinamento di alcuni vini bianchi.

La produzione, di circa 90.000 bottiglie, coniuga la tradizione con l’innovazione. Gli autoctoni Malvasia, Ribolla Gialla e Friulano, più il passito Picolit, si uniscono ai vitigni francesi d’importazione tardo-ottocentesca: Pinot Grigio, Sauvignon, Chardonnay fra i bianchi, e Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon e Merlot, a bacca rossa.

Le nostre attività nel miglioramento e nell’innovazione del prodotto non hanno mai sosta. Per questo motivo negli ultimi anni ci siamo dotati di alcuni serbatoi sperimentali per microvinificazioni in cui, con prove enologiche e viticole, verifichiamo i risultati ottenuti da nuove forme di vinificazione prima di applicarle alla vinificazione in scala reale.